Riciclo etico

Gli apparati obsoleti dovranno essere riciclati in un’ottica di tutela ambientale ed economia circolare.

Per il recupero e il corretto riciclo degli apparecchi dismessi il piano del Governo prevederà delle azioni mirate.

La massiccia rivoluzione tecnologica che stiamo vivendo, conseguenza della digitalizzazione e dal passaggio a uno stile di vita sempre più smart, avrà un impatto inevitabile sulla crescita dei rifiuti tecnologici a livello mondiale.

Il volume dei Raee è destinato quindi ad aumentare, come accaduto tra il 2008 e il 2009 nel passaggio tra analogico e digitale. Si calcola che circa dieci milioni di apparecchi obsoleti, equivalenti a 180mila tonnellate di materiali da gestire, verranno dismessi.

Il corretto riciclo è dunque importante perché da un solo televisore si può recuperare fino all’89% di materiali che potranno dar vita a nuove materie prime-seconde, da riutilizzare nei cicli produttivi.

Fra le principali frazioni ricavate, si ottengono ad esempio rame, ferro, alluminio, vetro, plastica, ma anche argento e oro.

Inoltre, è fondamentale che questi materiali vengano trattati in modo da metterli in sicurezza e rendere innocue sostanze pericolose come le lampade di retro-illuminazione degli schermi LCD, che contengono mercurio, o le plastiche con ritardanti di fiamma.

Proprio nell’ottica di agevolare il riciclo virtuoso delle apparecchiature di ricezione televisiva non in grado di ricevere trasmissioni con la nuova tecnologia DVB-T2-HEVC Main 10, a far data dal 23 agosto 2021 e fino al 31 dicembre 2022 si può fruire del contributo “Bonus rottamazione TV” concesso per gli acquisti di un nuovo apparecchio televisivo, previo corretto avvio a riciclo di quello vecchio se acquistato antecedentemente alla data del 22 dicembre 2018.

Al fine di ottenere lo sconto del 20% sul prezzo di acquisto della nuova tv, la rottamazione del vecchio apparecchio potrà essere effettuata al momento dell’acquisto, consegnando al rivenditore il vecchio televisore o, in alternativa, è possibile rottamare la vecchia tv direttamente in un’isola ecologica autorizzata che certificherà l’avvenuta consegna dell’apparecchio, con la relativa documentazione per richiedere lo sconto sul prezzo di acquisto.

Per conoscere tutte le isole ecologiche autorizzate è disponibile l’elenco pubblico presente sul sito del Centro di Coordinamento RAEE

 

Per saperne di più

Piano del Governo per lo smaltimento