Relazione Auditel 2022: le nuove sfide per la TV nel mercato globalizzato e nel passaggio al digitale

È stata presentata in Senato, lo scorso 11 aprile, la Relazione annuale Auditel dal titolo “Mercato globalizzato e transizione digitale: le nuove sfide per la TV e per Auditel”.

Un profondo cambiamento sta caratterizzando, a livello globale, lo scenario dei media; in particolare, è emerso come la TV in streaming rappresenti la vera sfida in atto fra le grandi società statunitensi che mirano ad acquisire, in Europa e in Asia, quote sempre più rilevanti di abbonati, adottando politiche di prezzo sempre più competitive.

Dal punto di vista dell’utilizzo dei contenuti audiovisivi invece, risulta ormai evidente come la fruizione da familiare sia diventata individuale, da indoor sia diventata ‘in mobilità’ e come la visione lineare venga preferita a quella on demand: un fenomeno dovuto alla molteplicità delle tipologie di device attraverso i quali oggi si può accedere ai contenuti audiovisivi.

Per rispondere a questo cambiamento in atto, per la prima volta Auditel ha deciso di lanciare la Total Audience, un sistema di rilevazione che, insieme ai dati degli ascolti televisivi, misura anche quelli raggiunti dai vari contenuti su altri device e sulle varie piattaforme.

Accanto al nuovo sistema di misurazione, sono 2 le altre novità introdotte da Auditel per una rilevazione che si adatti alle nuove abitudini degli utenti: il Codice Univoco degli Spot Video, ossia il tracciamento di ogni singolo spot pubblicitario, online e offline, integrato direttamente nella misurazione degli ascolti, e la riorganizzazione dell’ascolto non riconosciuto, ovvero la raccolta, attraverso strumenti innovativi, degli ascolti precedentemente non misurati e, quindi, non visibili.

Presente all’evento anche la Sottosegretaria al Ministero dello Sviluppo Economico, Anna Ascani, la quale ha sottolineato come il settore dei media e degli audiovisivi potrà beneficiare dell’introduzione del 5G: “Nel mondo dell’audiovisivo può attivare opportunità straordinarie. Abbiamo messo in campo un bando su 5G e audiovisivo, ad esempio, mettendo in connessione operatori di TLC e dell’audiovisivo. Questa convergenza è cruciale per il futuro. E stiamo seguendo il passaggio alla televisione digitale, una delle sfide attualmente più complesse”.