Prosegue il processo di refarming: terminato in Sardegna, riprenderà dal 3 gennaio in gran parte del Nord Italia

Si è concluso regolarmente il processo di refarming in Sardegna: avvenuto tra il 15 novembre e il 2 dicembre u.s. secondo le tempistiche previste, l’ultima data che coinvolgerà la regione è fissata per il 4 gennaio 2022 quando verrà effettuata la riorganizzazione delle frequenze relative ai principali canali RAI (Rai 1, Rai 2, Rai 3 TGR Regionale e Rai News).

I telespettatori sardi dovranno quindi eseguire nel pomeriggio del 4 gennaio la risintonizzazione del proprio Tv o decoder per agganciare le frequenze ricollocate e visualizzare correttamente questi canali.

La prossima tappa del processo di refarming coinvolgerà invece gran parte delle regioni del Nord Italia così come stabilito dalla determina direttoriale del 6 dicembre 2021 che individua il calendario per le aree 2 e 3.

In particolare, in queste aree la riorganizzazione delle frequenze inizierà il 3 gennaio p.v. e si concluderà il 14 marzo 2022. A fare da apripista sarà la Valle d’Aosta, seguita subito dopo dal Piemonte occidentale e da una parte delle province di Alessandria e Piacenza.

Tra la fine di gennaio e gli inizi di febbraio il processo proseguirà coinvolgendo una parte delle province di Vercelli, Biella, Novara, Verbano, Sondrio, parte della provincia di Verona e parte delle province appartenenti alle Alpi e Prealpi lombarde.  Seguiranno poi Bolzano, Trento e, nell’ultima parte del mese di febbraio, Belluno e parte delle province di Treviso e Vicenza.

A marzo invece sarà la volta di parte delle province di: Udine, Pordenone, Modena, Ravenna, Reggio Emilia, Bologna, Forlì-Cesena e parte della Pianura padana Veneta e Friuliana. Per ultime saranno interessate Rimini e la parte restante delle province di Forlì-Cesena.

Il calendario con le date di dettaglio relative alle operazioni di refarming nei singoli comuni interessati sarà disponibile a breve nella pagina dedicata.