Roadmap della NTD: rimodulato il calendario del refarming delle frequenze e dello switch da MPEG-2 a MPEG-4


Il Ministero dello Sviluppo Economico – con decreto sottoscritto il 30 luglio 2021 e ora in corso di registrazione da parte degli Organi di controllo – ha aggiornato il decreto del 19 luglio 2019 disponendo una rimodulazione del calendario del refarming delle frequenze, della dismissione della codifica MPEG2 e dell’applicazione dei nuovi standard innovativi, nonché la previsione di una ulteriore finestra di 30 giorni, a partire dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, per il rilascio volontario anticipato delle frequenze oggetto di diritti d’uso in ambito locale.

Il refarming delle frequenze inizierà il 15 novembre 2021 e terminerà entro il 30 giugno 2022 procedendo per aree geografiche.

La dismissione della codifica MPEG-2 in favore della codifica MPEG-4 su standard DVBT, invece, verrà avviata non più il 1° settembre ma il 15 ottobre 2021 e, a partire da tale data un numero rappresentativo di programmi sarà trasmesso con la nuova codifica. Si tratta di una data di partenza poiché la completa sostituzione della codifica MPEG-2 sarà definita con un provvedimento da emanare entro la fine del 2021.